FRANCO, DIRETTAMENTE DALL'ETNA

Franco, un cuore caldo come la terra di Sicilia, un sorriso dolce come la pasticceria  siciliana che ci racconta e ci fa venire l'acquolina in bocca, l'ultimo degli amici dei nostri bambini.

Grande amico di Cesare, grande amico dei vulcani tanto da averne fatto il proprio mestiere di guida specializzata, tutto fare, è una magia.

Trova la soluzione ad ogni guaio, aggiusta porte, rende l'approvvigionamento dell'acqua una cosa da bambini, installa un efficiente servizio di videocamere....

Con Cesare ha setacciato tutti i negozi del quartiere e non solo.  Assieme si avventurano e tornano con una serie infinita di novità tecniche e pratiche che poi inseriscono, installano. Hanno sempre  qualcosa di sorprendente nel sacco.

Questa attività li ha portati ad essere ormai i beniamini del quartiere, commercianti e non li riconoscono li salutano e li accolgono con gioia nei loro sgabuzzini stipati di oggetti fino al collo ma dove Franco trova sempre quello che cerca,  anche oggetti che il proprietario non si ricordava più di avere.

Non avendo vulcani da fargli visitare nella nostra regione dovremo inventare qualcosa perché un grazie è riduttivo.

I nostri bimbi l'hanno subito accolto e si sono lasciati coccolare da questo splendido nonno. che ha persino cucinato la pasta alla carbonara.

Ed ora che quasi tutto è a posto e funzionante ... si sono concessi una giornata di vacanza. Una bella passeggiata tra le colline circostanti Karunalaya.

Naturalmente prima della partenza la guida ha tracciato con cura il percorso.

GRAZIE FRANCO! Ti aspettiamo presto

 


SABATO, VACANZA!

Il sabato è il giorno "festivo" in Nepal. Uffici, scuole chiusi e anche a Karunalaya giornata di festa.

Attività ricreative, tanto gioco e relax.

Al mattino, almeno finché ci sarà la nostra preziosa Sonia, Joga sul terrazzo al primo sole.

Un momento tanto atteso dai bimbi e anche dallo staff quando è possibile.

Ma poi chi disegna, e... una singolare bisca clandestina. Si vincono carote!

Non può  mancare una telefonata a casa.. che gioia la voce della mamma!


KARUNALAYA - VACALLO

Ieri é avvenuto un gemellaggio simbolico tra i giovani della SAV BASKET di Vacallo e i giovani di Karunalaya che si sono esibiti in una splendida performance, forse grazie alla divisa indossata.

Un bellissimo memento di gioia e svago importante per i nostri bimbi.

Guardateli all'opera!


DAL DENTISTA!!

Ieri  Karunalaya è stata visitata da OM Samaj Dental Hospital.

Il nostro contabile Pradeep Sir, ha gentilmente chiesto a un suo parente , dentista all'ospedale OM SAMAJ,  di andare a Karunalaya per fare una visita dentistica a tutti i bambini.

Mi ricordo alle elementari di Vacallo quando ci toccava andare dal dentista. Il signor Zanetta veniva a prenderci a gruppetti con la sua auto sportiva e ci portava a Chiasso nel suo studio.

Erano momenti di grande paura, il rumore del trapano, l'anestesia... , l'attesa del nostro turno.

Avrei voluto essere una mosca ieri per sentire i commenti sottovoce, vedere chi si presentava spavaldo e chi avrebbe voluto scavare una buca profonda.

I nostri bambini non sono mai andati dal dentista. L'esigenza di consultare un dentista è nata dalla condizione veramente disastrata della bocca di Nissan. E così Pradeep Sir ci ha indicato il suo parente e cosa tira cosa tutto è avvenuto ieri.

Ora chi avrà seri interventi da fare dovrà andare in ospedale dentistico. Per gli altri la visita è servita a rinfrescare  l'idea   di pulire bene i denti e cercare di mantenerli sani. Proporremo a OM Samaj dental ospite una seconda visita l'anno prossimo.

Ma guardiamone alcuni, sono bravissimi anche dal dentista!


SONO TORNATO NEL MIO DOLPO!

Urgen torna a casa

Urgen ce l’ha fatta, raggiunta la maggior età ha potuto tornare nel suo Dolpo per fare i documenti d’identità.

Un viaggio lungo e soprattutto molto importante per lui. Solo, la prima volta all’aeroporto di Kathmandu, poi a Nepalganj, poi l’avventura del piccolo velivolo che porta a Juphal, poi l’incontro con una regione che non vedeva da anni ma il ritorno ad una vita che lui ha conosciuto bene ma ben diversa da quella che lui ora vive a Karunalaya, la vicinanza con gli animali da soma e da cortile, l’ambiente delle carovane di muli che trasportano le merci più in alto, dove vive la sua famiglia.

Un mix di emozioni forti che sicuramente faticherà a dimenticare.

Ma sentiamo cosa dice:

 

Namaste 🙏🏻 ev,

Now i am well rested and i was feeling a bit lonely for like 2 days after returning but now i am good 😌

Obviously the journey was amazing

After almost a decade,   returning to my district was very happy and exciting moment for me. And also going by flight was also first time and i enjoyed a lotttt.

For a day, i roamed around Nepalgunj which was whole new environment full of autorikshas and not even a single taxi😆 and also I couldn’t see a single hill or mountain there. It was so plain full of houses and shops that are lined roadside. It was a new experience.

After reaching dunai, first thing i felt the very cold air dolpa on top of that it was morning🥶. And the view was so fantastic though the village was surrounded by hills, everything was seen very clearly: the sky, mountain, hills and the river was so clean unlike Bhagmati😂

And i met some of my cousins and relatives.

I made my documents. During the process, i did have to go here and there from one side of the river to another but everything was done smoothly. With my uncle i explored  whole  dunai. And one thing that really amazed me was i saw couple of shopkeepers who were indian!? At that high place! For the business, they are everywhere 🫡

There were lot of dolpoli people among them i met one childhood monk friend and now he transport things with donkeys like my uncle.

It was a very very happy moment for me staying there for two weeks.😄😄


SIAMO A KARUNALAYA

Siamo arrivate!!

Accoglienza calorosa e bimbi cresciuti e in ottima forma.

Il lavoro non manca e quindi....subito all'opera.

Vi aggiorniamo presto

 


BUON DASHAIN!

Happy Dashain!

Happy Dashain è l’augurio che in questi giorni si sente scambiare tra la popolazione in Nepal.Una festa importante, la sorella maggiore mette la tira ai fratelli minori.Si prega, si mangia e ci si rilassa in famiglia. Anche nella famiglia di  Karunalaya hanno festeggiato. Chhiring, la maestra, fa le veci della sorella maggiore e mette a tutti la tika.


LA VISITA DELL'OCULISTA

Finalmente anche in Nepal collaborazioni sono possibili.

Da diversi mesi ormai uno studio oculistico ha aperto vicino a Karunalaya.

Payauthar non è più una piccolarealtà in periferia. Sta diventando un cento molto abitato e questo comporta sia benefici  che difficoltà.

Molto importante ed utile è stata l'apertura, questa già da diverso tempo, di una farmacia con ambulatorio. Sin possono avere consultazioni veloci e prescrizione di medicine in casi semplici.

In seguito ha aperto anche uno studio oculistico che si è subito offerto di inviare del personale per controllare regolarmente la vista di tutti a Karunalaya.

Molta diffidenza ha ritardato la visita che però finalmente ieri ha potuto avere luogo.

Due professioniste, a titolo volontario sono venute a Karunalaya ed hanno visitato tutti, anche il personale. Sono collaborazioni preziose che forse fanno sperare nell'insinuarsi anche in Nepal dell'idea di lavorare in rete.

 

 

Stiamo lavorando per seppellire l'idea che collaborare non significa perdere i propri diritti e che la collaborazione non è un 'intrusione!

Evidentemente può smuovere situazioni comodamente acquisite e stagnanti da molto tempo. Rompere la tranquilla routine per lasciare entrare idee e vento fresco può fare paura.

C'è ancora tantissimo lavoro da fare!!!!

 


Si lavora per un salto di qualità

Il progetto Karunalaya è sempre in evoluzione.

Abbiamo una bella casa, spazio per 20 bambini, un bello staff, un bravo fisioterapista...

Si lavora sulla qualità delle prestazioni, sull'ambiente e piano piano si fanno progressi.

Stiamo scoprendo che anche in Nepal, se non ci si siede sulla comodità di quello che si ha raggiunto, si possono migliorare tante cose.

Il sorriso di Binitha e Bhagwati direttamente dall'ospedale di Banepa, la tenerezza di Bakta Ray che a volte è un bimbo scontroso,

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

lo sguardo delle nostre due veterane.. Arati e Subina, ci confortano

 

 

 

 

 

 

Subina sta aspettando una nuova protesi e per la prima volta sarà una protesi "moderna", con l'articolazione del ginocchio e molto più leggera delle altre di gomma.

Abbiamo molte aspettative ! E' un vero progresso.

 

 

 

 

Bakta Ray sta muovendo i primi passi al computer. Per lui è forse la strada per recuperare   indipendenza e soprattutto una possibilità di lavoro futura. Un'altra grande sfida.