Nessuna distribuzione d’acqua in Nepal

In Nepal ogni cittadino deve arrangiarsi con l’approvvigionamento dell’acqua.

Si può andare alla fontana a prenderla con il secchio, si può pomparla da un pozzo, si può acquistare dalle cisterne che forniscono a tappeto acqua a caro prezzo, si può comperarla dai vicini che ne hanno in esubero dal loro pozzo.

Quando l’acqua si trova nella cisterna va pompata sul tetto , accumulata nei tank neri e scende per caduta nei rubinetti della casa, evidentemente per i fortunati che li hanno.

Ecco cosa succede se non si controlla il livello dell’acqua nelle cisterne sul tetto!!

I nostri volontari stanno vivendo queste esperienze!  Troppo comodo aprire l’acqua e avere la certezza che ci sarà sempre, senza fatica. Se c’è un guasto se ne occupa l’azienda comunale!  Troppo facile !

Risolto il problema tutti a giocare!

Pharbati è rientrata dall’ospedale !

Triste storia la sua, il maestro le ha rotto una gamba a bastonate. Portata all’ospedale della sua regione le hanno ingessato la gamba con le ossa sovrapposte.

Settimana scorsa è andata a Banepa dove hanno dovuto rifratturarle la gamba ed ora per lungo tempo si trova così….Auguri Pharbathi

 

Commenti chiusi